lunedì 18 novembre 2019

Vetrina del 18 novembre 2019


Uscite della settimana
(I titoli in verde sono inediti in Italia)
Costo totale delle novità della settimana: 9,30

Giornalino 45, Periodici San Paolo - € 2,30


Kev (Le monde selon Kev, Le Lombard)
di Chico (t) e Minte (d)
1 - Tala madre tale figlio (tavola) (C'est qui le patron?, 2019)

Raul & Fernando (Raoul & Fernand, Bamboo)
di Erroc (t/d)
3 - Il pappagallo blu (tavola) (La loi du canapé, 2007)


Lanciostory 2328, Editoriale Aurea - € 3,50

Charlotte Imperatrice (Charlotte Impératrice, Dargaud)
di Fabien Nury (t) e Matthieu Bonhomme (d)
1 - La Principessa e l'Arciduca (La Princesse et l'Archiduc, 2019) 3a parte


Vincere la guerra (Gagner la guerre, Le Lombard)
di Frédéric Genêt (t/d)
2 - Il regno di Ressine (Le Royaume de Ressine, 2019) 3a parte

Alpha (Alpha, Le Lombard)
di Emmanuel Herzet (t) e Alain Queireix (d)
14 - Domino (Dominos, 2019) 3a parte


Skorpio 2229, Editoriale Aurea - € 3,50


Tango (Tango, Le Lombard)
di Matz (t) e Philippe Xavier (t/d)
3 - All'ombra di Panama (À l'ombre du Panama, 2019) 3a parte

XIII Mystery (XIII Mystery, Dargaud)
di Jean Van Hamme (t) e Olivier Grenson (d)
13 - Judith Warner (Judith Warner, 2018) 1a parte

Jérôme K. Jérôme Bloche (Jérôme K. Jérôme Bloche, Dupuis)
di Alain Dodier (t/d)
16 - La lettera (La lettre, 2002) 3a parte



Ancora in edicola


Historica 85, Mondadori Comics - € 12,99

La guerra di Spagna - Doppio 7 (Double 7, Dargaud)
di Yann (t)  e André Juillard (d)
(one shot) (2018)


Historica Biografie 31, Mondadori Comics - € 8,99

Marco Polo (Marco Polo, Glénat)
di Éric Adam e Didier  Convard (t) e Fabio Bono (d)
2 - Alla corte del Gran Khan (À la cour du grand Khan, 2014)


Serie gialla 86, Editoriale Cosmo - € 14,90

Lucky Luke (Les aventures de Lucky Luke, Lucky Comics)
di Jul (t) e Achdé (d)
8 - Un cow-boy a Parigi (Un cow-boy à Paris, 2018)


AureaComix Linea BD 48, Editoriale Aurea - € 9,90

Amazzonia (Amazonie, Dargaud)
di Leo e Rodolphe (t) e Bertrand Marchal (d)
1 - (volume 1) (Épisode 1, 2016)


Integrali BD Nuova Serie 16, Editoriale Aurea - € 11,90

I.R.$. - All Watcher (I.R.$. - All Watcher, Dargaud)
di Stephen Desberg (t) e Alain Queireix (d)
1 - Antonia (Antonia, 2009)
di Stephen Desberg (t) e Daniel Koller (d)
2 - La nébuleuse Roxana (La nébuleuse Roxana, 2010)



venerdì 15 novembre 2019

giovedì 14 novembre 2019

In Amazzonia con l'Aurea



Nel corso dei sei anni di vita del blog abbiamo encomiato più volte l’Editoriale Aurea, talvolta anche in dissonanza con i pareri dei nostri lettori, poiché propone da anni e in maniera continua nelle nostre edicole una parte non indifferente della produzione franco-belga realista e avventurosa. E forse questo elogio è, a nostro giudizio, ancor più meritato oggi, in un periodo non felice per i fumetti nelle edicole.


La sua collana mensile AureaComix Linea BD sta proponendo i cicli, di cinque episodi ognuno, su Kathy Austin, l’avvenente agente dell’MI6 inviata, nel secondo dopoguerra, nei quattro angoli del globo alla ricerca di tracce di incontri ravvicinati con alieni e di UFO.


I due precedenti cicli sono intitolati Kenya (2001) e Namibia (2010), mentre il volume  attualmente pubblicato è la prima parte di Amazzonia. I soggetti sono di Leo e Rodolphe, la coppia creatrice della giubba rossa Trent (1991).


Leo, come noto, è l’acronimo del brasiliano Luis Eduardo de Oliveira, creatore dei cicli di Aldebaran con i vari spin-off e del più recente Mermaid Project, tutti tradotti dalla Aurea e dei quali abbiamo già parlato.


Questo episodio, come dice il titolo del ciclo, si svolge nella foresta amazzonica nel 1949, a Manaus e dintorni. Sir Charles, il superiore di Kathy, la invia in una missione nel Sud-America. È un’occasione per Leo e Rodolphe di ambientare un racconto nei luoghi amati dall’artista nato a Rio de Janeiro, anche se il disegnatore, in realtà, è Bertrand Marchal, autore del secondo ciclo, intitolato Namibia.


Nella trama ci sono tutti gli elementi per un’appassionante storia di intrighi, spionaggio e  science-fiction: un console britannico beone, una spia nazista, un pilota di aviazione reietto, proprietario di aerotaxi che volano sulla foresta, i nativi indios e l’incontro ravvicinato con un alieno dotato di poteri paranormali. Che cosa si può pretendere di più da una bedé avventurosa?


I disegni sono di buon livello, anche se in alcune vignette sembrano ricordare quelli di Paul Gillon o di Raymond Poïvet.



lunedì 11 novembre 2019

Vetrina dell'11 novembre 2019


Uscite della settimana
(I titoli in verde sono inediti in Italia)
Costo totale delle novità della settimana: 18,29

Historica Biografie 31, Mondadori Comics - € 8,99


Marco Polo (Marco Polo, Glénat)
di Éric Adam e Didier  Convard (t) e Fabio Bono (d)
2 - Alla corte del Gran Khan (À la cour du grand Khan, 2014)


Giornalino 44, Periodici San Paolo - € 2,30


Kev (Le monde selon Kev, Le Lombard)
di Chico (t) e Minte (d)
1 - La fuga (storia breve) (C'est qui le patron?, 2019)

Raul & Fernando (Raoul & Fernand, Bamboo)
di Erroc (t/d)
3 - Noioso inquinamento (tavola) (La loi du canapé, 2007)


Lanciostory 2327, Editoriale Aurea - € 3,50


Charlotte Imperatrice (Charlotte Impératrice, Dargaud)
di Fabien Nury (t) e Matthieu Bonhomme (d)
1 - La Principessa e l'Arciduca (La Princesse et l'Archiduc, 2019) 2a parte

Rampokan (Rampokan, Vertige Graphic)
di Peter Van Dongen (t/d)
1 - Java (Java, 2003) 4a parte

Vincere la guerra (Gagner la guerre, Le Lombard)
di Frédéric Genêt (t/d)
2 - Il regno di Ressine (Le Royaume de Ressine, 2019) 2a parte

Alpha (Alpha, Le Lombard)
di Emmanuel Herzet (t) e Alain Queireix (d)
14 - Domino (Dominos, 2019) 2a parte


Skorpio 2228, Editoriale Aurea - € 3,50

Tango (Tango, Le Lombard)
di Matz (t) e Philippe Xavier (t/d)
3 - All'ombra di Panama (À l'ombre du Panama, 2019) 2a parte


Jérôme K. Jérôme Bloche (Jérôme K. Jérôme Bloche, Dupuis)
di Alain Dodier (t/d)
16 - La lettera (La lettre, 2002) 2a parte

Vasco (Vasco, Le lombard)
di Luc Révillon e Chantal Chaillet (t) e Dominique Rousseau (d)
30 - L'oro dei ghiacci (L'or des glaces, 2019) 4a parte



Ancora in edicola


Historica 85, Mondadori Comics - € 12,99

La guerra di Spagna - Doppio 7 (Double 7, Dargaud)
di Yann (t)  e André Juillard (d)
(one shot) (2018)


Serie gialla 86, Editoriale Cosmo - € 14,90

Lucky Luke (Les aventures de Lucky Luke, Lucky Comics)
di Jul (t) e Achdé (d)
8 - Un cow-boy a Parigi (Un cow-boy à Paris, 2018)


AureaComix Linea BD 48, Editoriale Aurea - € 9,90

Amazzonia (Amazonie, Dargaud)
di Leo e Rodolphe (t) e Bertrand Marchal (d)
1 - (volume 1) (Épisode 1, 2016)


Integrali BD Nuova Serie 16, Editoriale Aurea - € 11,90

I.R.$. - All Watcher (I.R.$. - All Watcher, Dargaud)
di Stephen Desberg (t) e Alain Queireix (d)
1 - Antonia (Antonia, 2009)
di Stephen Desberg (t) e Daniel Koller (d)
2 - La nébuleuse Roxana (La nébuleuse Roxana, 2010)


sabato 9 novembre 2019

Yann e Juillard contro Stalin



In questi giorni è circolata la notizia che la salma del Generalissimo Franco, il dittatore fascista che ha vinto la Guerra civile e dominato la Spagna dal 1939 al 1974, è stata traslata due settimane fa dalla monumentale Valle de los Caidos al più sobrio cimitero El Pardo.


E tanto per rimanere in argomento parliamo dell’ultimo numero (l’86) della collana Historica della Mondadori Comics, che pubblica La Guerra di Spagna - Doppio 7, il recente racconto disegnato da André Juillard su testi di Yann.


In un vecchio post abbiamo parlato de Le Falangi dell’Ordine Nero di Pierre Christin e Enki Bilal, una bedé, che, anche a distanza di decenni, rimane un capolavoro, sui reduci della tremenda Guerra civile spagnola. Di tale guerra si parla poco in Italia, anche per stendere un velo di oblio sugli eccidi perpetrati dai bombardamenti sulla popolazione civile da parte dell’aeronautica prestata da Mussolini e dal Fascismo al Caudillo Franco, per aiutarlo nell’opera di contrasto ai repubblicani del Fronte Popolare, una coalizione di partiti di sinistra che aveva vinto legittimamente le elezioni in Spagna.


Yann si rivela sempre più uno dei migliori soggettisti francesi, molto bravo e capace di coinvolgere il lettore in atmosfere credibili della prima metà del Novecento.
In questo caso il soggettista prende in considerazione le forze aeree dei volontari russi, inviati da Stalin a contrastare la nazista Legione Condor, inviata da Hitler in soccorso del dittatore falangista.


Il racconto di Yann mette in risalto il momento in cui Stalin da l’ordine di sopprimere tutti i miliziani spagnoli e volontari stranieri aderenti ai partiti repubblicani antimarxisti libertari o anarchici, per eliminare qualsiasi tipo di opposizione o di critica allo stalinismo.


Il tragico momento coinvolge un ottimo pilota russo, che si innamora di una miliziana spagnola, con tutte le conseguenze del caso. A essere sinceri, nella trama è più presente lo scontro fra fazioni interne ai repubblicani che non fra repubblicani e falangisti. Sembra più una critica allo stalinismo, deprecabile, che non al franchismo.


Lo stile di Juillard, pur statico nelle posizioni dei personaggi e dei mezzi meccanici (gli aerei sembrano immobili nell’aria) nelle vignette, è pur sempre di qualità. Nel racconto c’è un personaggio comunista cattivo, il tenente colonnello Orlov che ricorda in qualche maniera il celebre colonnello Olrik, l’antagonista per antonomasia di Blake e Mortimer.


A questo proposito, sarebbe auspicabile se in eventuali prossime storie create da Juillard per le creature di E. P. Jacobs gli editori lasciassero una maggiore libertà espressiva all’artista, perché in questo racconto la costruzione articolata della gabbia con le vignette è molto più ariosa ed efficace, non appesantita come nella pedissequa realizzazione di classiche tavole alla Jacobs.


Il volume di Historica ha un dossier finale con alcuni schizzi preparatori di Juillard che rendono un’idea della sua arte.


La coppia Yann-Juillard aveva già lavorato insieme nel 2011 in un altro one-shot storico, Mezek, sulla nascita dell'aviazione israeliana negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, ma stranamente quest'albo non è mai stato tradotto in italiano.



giovedì 7 novembre 2019

Bandes dessinées a Catania


Dall’1 ottobre 2019, nel settecentesco Palazzo Valle, progettato nel centro storico della Catania barocca dall’architetto Giovanni Battista Vaccarini (Palermo 1702-1768), artefice della rinascita architettonica della città dopo la distruzione perpetrata dal tremendo terremoto del 1693,


è visitabile la mostra sui fumetti “Boom! Dal Fumetto Americano al Neopop”.


L’esposizione, suddivisa dai curatori in varie sezioni, si pone l’obiettivo di raccontare la storia e l’evoluzione del Fumetto attraverso 500 opere originali e a stampa, il cui nucleo principale è rappresentato dalla collezione privata di Maurizio Scudiero, storico d’arte ed estimatore della Nona Arte.



Si tratta di rarissime tavole di sunday e daily strips realizzate dai più celebri autori statunitensi, insieme ad altre di illustri autori britannici, argentini e franco-belgi, con numerose tavole per i comic books e rare edizioni a fumetti.


Notevole l’esposizione sugli autori italiani, che comprende anche quelli dagli anni Trenta ai Cinquanta, in genere assenti nelle mostre dedicate al Fumetto,


e una bella selezione di illustrazioni colorate realizzate negli anni Sessanta per le copertine di albi dei Fratelli Spada e di altri editori.


Presenti molti manifesti e locandine di film su protagonisti della Nona Arte. Di minor interesse, per chi scrive, le sezioni sui manga e sulla commistione fra arte moderna e fumetti.


La mostra, prevista originariamente per un’area museale diversa e più ampia, purtroppo, è stata collocata in un’area più piccola nel Palazzo Valle, per cui lo spazio ridotto ha costretto i curatori a esporre su più file tutte le cornici della collezione, appendendole perfino in zone poco illuminate


o in alto fino al soffitto, come nel caso della tavola originale del Flash Gordon di Alex Raymond (1935)!


Forse avrebbero dovuto ridurre il numero di opere da esporre, selezionando quelle più significative e importanti nella storia del Fumetto occidentale, meritevoli di una collocazione più adeguata sulle pareti.


In tal modo i disorientati visitatori avrebbero potuto farsi un’idea più corretta sull’evoluzione artistica nei vari generi del Fumetto. Considerato, poi, il costo di 10€ del biglietto di ingresso, a distanza di un mese dall’apertura non fa una buona impressione la mancanza di didascalie in alcune cornici!


In una collezione tanto ricca di rinomati artisti del Fumetto mondiale uno si aspetterebbe di trovare una cospicua presenza dei autori classici franco-belgi. Purtroppo non è così, tuttavia per i bedefili siciliani si tratta pur sempre di un’occasione unica per ammirare tavole originali transalpine.
Il loro elenco comprende:


Lucky Luke (2006) di Achdé,


Blake et Mortimer (2005) di Antoine Aubin,


Buck Danny (2008) di Francis Bergèse,


Gare au Plitch (1977) di Enki Bilal,


La Jeunesse de Blueberry (2005) di Michel Blanc-Dumont,


La Compagnie des Indes (1951) di Bob De Moor,


Matho (1986) di Philippe Druillet,


Barbarella (1962) di Jean-Claude Forest,


Blueberry (1990) di Jean Giraud,


Wanted (2000) di Thierry Girod,


Michel Vaillant (1979) di Jean Graton,


stampone di produzione per Tintin L’Ile Noire (1946) di Hergé,


Avant l’Incal (1997) di Zoran Janjetov,


Tranches de vie (1975) di Gerard Lauzier,


Les Aventures de Valentin Whodunit (2017) di Olivier Lefevre,


Telechamp (1978) di Sergio Macedo,


Djinn (2013) di Ana Miralles,


L’Incal Lumiére (1981) di Moebius,


Luc Orient (1984) di Eddy Paape,


Pravda la surviveuse (1967) di Guy Pellaert,


L’Asino d’oro (1985) di Georges Pichard,


Ric Hochet (1971) di Tibet,



Due illustrazioni inedite di Dan Cooper (1976) di Albert Weinberg,


La Jeunesse de Blueberry (1993) di Colin Wilson.


A corredo della mostra è stato pubblicato dalle edizioni Lantana un corposo catalogo di 560 pagine, privo, però, di indice analitico finale che permetta di trovare un autore o un personaggio fra i tanti citati!