lunedì 6 luglio 2020

Vetrina del 6 luglio 2020


Uscite della settimana
(I titoli in verde sono inediti in Italia)
Costo totale delle novità della settimana: 40,19

Historica Biografie 39, Mondadori Comics - € 8,99


Jacques-Louis David (Les Grandes Peintres, Glénat)
di François Dimberton (t/d)
7 - (one shot) (Jacques-Louis David, 2015)


Giornalino 27, Periodici San Paolo - € 2,30

Sister (Les Sisters, Bamboo)
di Christophe Cazenove (t) e William (t/d)
Promesse mantenute (tavola)

I dinosauri (Les dinosaures en BD, Bamboo)
di Arnaud Plumeri (t) Bloz (d)
1 - Iguanodonte (tavola) (Tome 1, 2010)


Linus 662, Baldini e Castoldi - € 6,00

Dall'altra parte della frontiera (De l'autre côté de la frontière, Dargaud)
di Jean-Luc Fromental (t) e Philippe Berthet (d)
(one-shot) (2020) 3a parte

Paulette (Paulette, Éditions du Square)
di Georges Wolinski (t) e Georges Pichard (d)
6 - (Paulette va al circo) (Le cirque des femmes, 1971) 3a parte


AureaComix Linea BD 56, Editoriale Aurea - € 15,90


La Venere del Dahomey (La Vénus du Dahomey, Dargaud)
di Laurent Galandon (t) e Stefano Casini (d)
1 - La civilizzazione ostile (La civilisation hostile, 2011)


Lanciostory 2361, Editoriale Aurea - € 3,50

La maschera delle mille lacrime (  Acheter
Le masque aux mille larmes, Dargaud)
di David Chauvel (t) e Roberto Ali (d)
1 - La morte cammina con me (La mort marche avec moi, 2019) 1a parte

L'assassino che parla agli uccelli (L'assassin qui parle aux oiseaux, Dupuis)
di Jean-Claude Servais (t/d)
1 - (volume 1) (2005) 7a parte

Agenzia Hardy (Agence Hardy, Dargaud)
di Pierre Christin (t) e Annie Goetzinger (d)
2 - Una lieve traccia (La trace pâle, 2002) 4a parte

I vecchi forni (Les vieux forneaux, Dargaud)
di Wilfrid Lupano (t) e Paul Cauuet (d)
3 - Ritorni e partenze (Celui qui part, 2015) 3a parte


Sisco (Sisco, Le Lombard)
di Benec (t) e Thomas Legrain (d)
11 - Rapsodia belga (Belgian Rhapsody, 2020) 2a parte


Skorpio 2262, Editoriale Aurea - € 3,50


Dea bianca, dea nera (Déesse blanche, déesse noire, Dupuis)
di Jean-Claude Servais (t/d)
1 (Tome 1, 2001) 2a parte

L'ultimo Atlas (Le dernier Atlas, Dupuis)
di Gwen de Bonneval e Fabien Vehlmann (t) e Hervé Tanquerelle (d)
1 - 1 (Tome 1, 2019) 1a parte

Jérôme K. Jérôme Bloche (Jérôme K. Jérôme Bloche, Dupuis)
di Alain Dodier (t/d)
24 - L'eremita (L'ermite, 2014) 4a parte



Ancora in edicola


Historica 93, Mondadori Comics - € 12,99

Seconda Guerra mondiale (The Regiment, Le Lombard)
di Vincent Brugeas (t) e Thomas Legrain (d)
2 - La vera storia del SAS vol.2 (Livre 2, 2018) 2a parte
3 - La vera storia del SAS vol.3 (Livre 3, 2018)


Integrali BD Nuova Serie 24, Editoriale Aurea - € 13,50

Dantes (Dantès, Dargaud)
di Philippe Guillaume e Pierre Boisserie (t) e Erik Juszezak (d)
3 - Il volto della vendetta (Le Visage de la vengeance, 2009)
4 - La resa dei conti (Pour solde de tout compte, 2010)


giovedì 2 luglio 2020

Barbarossa salpa dall’Italia verso nuove avventure!



Il nostro amico Stefano Carloni, torna a sorprenderci disegnando un classicissimo del fumetto franco-belga: Barbarossa!
Il prossimo 28 agosto, le edizioni Dargaud pubblicano in Francia il volume Les Nouvelles aventures de Barbe-Rouge - Pendu haut et Court!, scritto da Jean-Charles Kraehn e disegnato magnificamente dal nostro disegnatore italiano. Abbiamo approfittato della sua consueta gentilezza per farci dire qualcosa su questa nuova avventura editoriale.


Ciao Stefano, come è nata la tua collaborazione al proseguimento delle avventure di Barbarossa?

SC: Ciao! Innanzitutto è un piacere fare di nuovo due chiacchiere con gli amici di Zona Bedé.
Dunque, nell’ottobre 2018, il direttore editoriale di Dargaud, François Le Bescond, mi contattava per dirmi che avrebbe voluto vedermi al festival di St Malo, che si sarebbe tenuto qualche settimana dopo, per parlarmi di un progetto. Ci siamo quindi incontrati lì, e non è andato diretto al punto: mi ha prima chiesto se ci fosse qualcosa che amassi disegnare in particolare, perché non gli andava a genio assegnare progetti generici su commissione, sarebbe stato più felice di affidarmi un progetto che sentissi nelle mie corde.


Avrei voluto dirgli che ho sempre adorato disegnare epoche passate, con un po’ di avventura, come per esempio l’universo dei pirati. Ma dal momento che Dargaud aveva già pubblicato diverse serie di successo con il medesimo soggetto (Long John Silver, Barracuda, e lo stesso intramontabile Barbarossa…), mi sono limitato a dire delle epoche passate e dell’avventura. François ha proseguito: “Ci sarebbe un grosso progetto sulla pirateria, se ti stuzzica questo tema…”. Ho sorriso, ma mai avrei pensato che si sarebbe trattato di riprendere Barbe-Rouge.


A botta calda, ho provato un misto di emozioni tra entusiasmo strabordante e ansia da prestazione. Al ritorno a casa, nel fare i primi bozzetti dei personaggi ho appoggiato la matita sul foglio con la stessa cautela che userebbe un restauratore nel mettere le mani su un’opera antica. Appena la matita ha iniziato a scorrere sul foglio, il divertimento ha preso il sopravvento sui pensieri. Tutt’oggi continuo a credere che se mi fossi soffermato troppo a pensare all’importanza di Barbarossa, senza alcun dubbio il pirata più celebre della BD franco-belga, ed al carico di responsabilità sulle mie spalle, carico doppio perché ho proposto di occuparmi anche del colore, forse mi sarei bloccato. A forza di disegnarlo, tutto è venuto talmente naturale che neanche mi sono accorto.



Ho avuto comunque bisogno di parecchi mesi di prove per la ricerca stilistica, ma soprattutto per poter riprendere la serie con una certà maturità. Barbarossa è una serie piuttosto classica che andava necessariamente modernizzata ma senza perdere lo spirito originale, nel rispetto dei creatori Charlier e Hubinon: un principio semplice, ma complicatissimo a farsi. Da Dargaud sono stati molto pazienti e comprensivi. Esattamente ad un anno di distanza dalla proposta mi ritrovavo a firmare il contratto.


In futuro, intendi proseguire disegnando ancora il classicissimo personaggio creato da Charlier e Hubinon?
SC: Sono già al lavoro sul secondo volume, dove si concluderà la vicenda. Da parte mia e dello sceneggiatore, e includo anche Dargaud, c’è l’entusiasmo e la disponibilità a proseguire, il fattore determinante nella scelta sarà il livello di apprezzamento del pubblico. 


Da parte nostra, dita incrociate nel continuare con altri volumi. D’altro canto, ho voluto chiarire fin da subito che non vorrò e non potrò lavorare esclusivamente a questo progetto per il resto della mia carriera. Non sono il creatore di Barbarossa, il mio è un adattamento personale, come credo valga per gli altri autori che sono succeduti a Hubinon; sento quindi il bisogno di lanciare prima o poi un progetto originale, magari comunque insieme a Jean-Charles Kraehn, con cui si è instaurato un feeling lavorativo eccellente. Questo non significa che abbandonerei Barbarossa, nel caso porterei avanti anche altri progetti, compatibilmente alle tempistiche.


Che tu sappia, c’è già l’interessamento di qualche editore italiano alla sua pubblicazione?
SC: Sì, assolutamente, pochi giorni dopo l’annuncio della data di uscita dell’edizione francese, sono stato contattato da Andrea Rivi per conto di Editoriale Cosmo/Nona Arte, già editori di Barbarossa in Italia, come di altri classici franco-belga. Nonostante abbiano sottolineato, perplessi, che Barbarossa non sia esattamente uno dei personaggi che hanno riscosso più successo tra i lettori italiani, si sono dimostrati molto interessati a pubblicare il nostro volume l’anno prossimo, ma ancora niente di ufficiale. Fa doppiamente piacere riscuotere interesse in un editore connazionale ma soprattutto di poter condividere anche con i lettori italiani questo progetto che tengo a cuore.



Come hai trascorso questo periodo di pandemia?
SC: Ipotizzo che i disegnatori di fumetti siano stati quelli più “preparati” a vivere il periodo di isolamento in casa, che corrisponde alla routine per la maggior parte di noi. Per quanto mi riguarda abito in campagna, ma preferisco lavorare in uno studio da solo, che rimane al centro del paese, così non ho distrazioni di alcun tipo e riesco a lavorare con maggiore concentrazione.


Per il lockdown però, ho preferito fare un trasloco veloce di tutto il materiale necessario a disegnare, e sono tornato a lavorare a casa in aperta campagna e in totale relax. Tavolo in giardino, sotto le fronde degli alberi, arietta fresca e bibite ghiacciate. Una situazione ideale che mi avrebbe permesso di lavorare più del solito per il tempo a disposizione: invece, anche a causa dell’impressione che tutto il mondo intorno si fosse fermato per qualche settimana, ho perso completamente la carica e l’entusiasmo per mettermi a lavorare con continuità.


Il lockdown è arrivato subito dopo aver consegnato le tavole del primo volume di Barbarossa, avevo già ricevuto la sceneggiatura del secondo volume, ma non c’era un’estrema fretta; mi sono potuto prendere quindi una piccola pausa che ha permesso di divagarmi facendo illustrazioni, sperimentando un po’ di tecniche con il colore, tutte cose che non richiedevano la stessa grossa concentrazione necessaria a produrre tavole, ed è così che ho ritrovato la carica e ingranato la marcia per partire con il secondo volume.


Grazie Stefano.


lunedì 29 giugno 2020

Vetrina del 29 giugno 2020

Uscite della settimana
(I titoli in verde sono inediti in Italia)
Costo totale delle novità della settimana: 22,29

Historica 93, Mondadori Comics - € 12,99


Seconda Guerra mondiale (The Regiment, Le Lombard)
di Vincent Brugeas (t) e Thomas Legrain (d)
2 - La vera storia del SAS vol.2 (Livre 2, 2018) 2a parte
3 - La vera storia del SAS vol.3 (Livre 3, 2018)


Giornalino 26, Periodici San Paolo - € 2,30


Sister (Les Sisters, Bamboo)
di Christophe Cazenove (t) e William (t/d)
(tavola)

Raul & Fernando (Raoul & Fernand, Bamboo)
di Erroc (t/d)
4 - I pericoli della rete (strips) (Tome 4, 2018)



Lanciostory 2360, Editoriale Aurea - € 3,50

Agenzia Hardy (Agence Hardy, Dargaud)
di Pierre Christin (t) e Annie Goetzinger (d)
2 - Una lieve traccia (La trace pâle, 2002) 3a parte


I vecchi forni (Les vieux forneaux, Dargaud)
di Wilfrid Lupano (t) e Paul Cauuet (d)
3 - Ritorni e partenze (Celui qui part, 2015) 2a parte

L'assassino che parla agli uccelli (L'assassin qui parle aux oiseaux, Dupuis)
di Jean-Claude Servais (t/d)
1 - (volume 1) (2005) 6a parte

Il sogno di Gerusalemme (Le rêve de Jérusalem, Dupuis)
di Philippe Thirault (t) e Lionel Marty (d)
4 - Ecce homo (Ecce homo, 2010) 3a parte

Sisco (Sisco, Le Lombard)
di Benec (t) e Thomas Legrain (d)
11 - Rapsodia belga (Belgian Rhapsody, 2020) 1a parte


Skorpio 2261, Editoriale Aurea - € 3,50

Dea bianca, dea nera (Déesse blanche, déesse noire, Dupuis)
di Jean-Claude Servais (t/d)

1 (Tome 1, 2001) 1a parte

S.O.S. Felicità (S.O.S. Bonheur Saison 2, Dupuis)
di Stephen Desberg (t) e Griffo (d)
5 - (stagione 2 volume 2) (Saison 2 Volume 2, 2019) 8a parte

Jérôme K. Jérôme Bloche (Jérôme K. Jérôme Bloche, Dupuis)
di Alain Dodier (t/d)
24 - L'eremita (L'ermite, 2014) 3a parte



Ancora in edicola


Historica Biografie 38, Mondadori Comics - € 8,99

Paul Gauguin (Les Grandes Peintres, Glénat)
di Patrick Weber (t) e Nicoby (d)
11 - (one shot) (Paul Gauguin, 2016)


Linus 661, Baldini e Castoldi - € 6,00

Dall'altra parte della frontiera (De l'autre côté de la frontière, Dargaud)
di Jean-Luc Fromental (t) e Philippe Berthet (d)
(one-shot) (2020) 2a parte

Paulette (Paulette, Éditions du Square)
di Georges Wolinski (t) e Georges Pichard (d)
6 - (Paulette va al circo) (Le cirque des femmes, 1971) 2a parte


AureaComix Linea BD 55, Editoriale Aurea - € 14,90

Golias (Golias, Le Lombard)
di Serge Le Tendre (t) e Jérôme Lereculey (d)
2 - Il fiore del ricordo (La fleur du souvenir, 2013)


Integrali BD Nuova Serie 24, Editoriale Aurea - € 13,50

Dantes (Dantès, Dargaud)
di Philippe Guillaume e Pierre Boisserie (t) e Erik Juszezak (d)
3 - Il volto della vendetta (Le Visage de la vengeance, 2009)
4 - La resa dei conti (Pour solde de tout compte, 2010)


giovedì 25 giugno 2020

Due “old chaps” e un malandrino 5


Parte quinta – 1954


Il Giuramento dei cinque Lord (quindicesimo episodio, 2012)
Yves Sente, André Juillard


È un episodio interlocutorio, l’unico, fino ad ora, in cui non sia presente Olrik. Nelle tavole iniziali, durante una cena a casa della signora Besson, Mortimer racconta a Blake, di una lettera ricevuta da buon Ahmed Nasir, il quale, grazie alle loro referenze, è riuscito a entrare nei servizi segreti indiani. Blake si dice sicuro del successo di Nasir per l’intelligenza e il coraggio dimostrati dall’ex sergente dei Makran Levy Corps.


La trama verte su quattro amici di Blake a Oxford, membri di una T.E. Spirit Society creata da cinque soci, legati da un giuramento per proteggere un manoscritto (una mania quella dei manoscritti storici in questa saga) di Thomas Edward Lawrence, più noto come Lawrence d’Arabia. Quella delle società segrete fra studenti è una moda ricorrente negli ambienti delle più prestigiose università anglosassoni.


In questa storia di sedicenti fantasmi, che si svolge a Oxford, molte vignette di Juillard ricordano come impostazione e inquadrature quelle de Le 7 vite dello Sparviero e di Masquerouge.


I due eroi incontrano l’ex sergente Malcom Mac Tearaway, all’epoca dell’Espadon facente parte del commando inglese agli ordini del tenente Brady, che ha liberato i prigionieri dal treno dei soldati gialli. Ora, da congedato, è divenuto guardiano tutto fare dell’Ashmolean Museum, il più antico museo universitario.


Sente presenta anche David Honeychurch, assistente del capitano Blake all’MI5.
Nel corso del racconto, uno dei quattro soci rinfaccia a Blake di non avere sostenuto il Primo Ministro dopo la fine della guerra, un avvenimento di cui non si sa altro, e che richiama alla memoria il siluramento di Winston Churchill subito dopo la fine del secondo conflitto, nonostante sia stato grazie alla sua determinazione e conduzione del governo se il Regno Unito non sia caduto sotto l’assalto nazista.


A questo punto, in una lunga sequenza di dieci tavole, il lettore apprende alcuni particolari sulla vita di Blake. Infatti a 8-9 anni gioca con i cugini nel parco di famiglia a Rowan House imitando i cavalieri medievali. Crescendo il suo eroe diviene Lawrence d’Arabia, ammirato anche dal padre, colonnello Aneurin Blake, che poi Mortimer incontrerà a Simla.


Dopo la sua iscrizione a Eton, il giovane Blake eccelle sia negli studi che nello sport, condividendo con i suoi compagni l’ammirazione per gli eroi del primo conflitto.
Una volta diplomato, su consiglio del padre entra nelle Royal Staff College della R.A.F., come racconta a un giovane Philip Mortimer durante il loro primo incontro su un treno in India, aggiungendo ora che non aveva previsto l’impatto che avrebbe avuto la loro discussione a Simla.


Quel viaggio si rivelerà importante perché aprirà al giovane inglese gli occhi sulle disuguaglianze razziali nell’Impero britannico. In conseguenza di ciò, prima di entrare nell’esercito, ha deciso di “vivere e imparare”. Alla fine, con grande delusione del padre, si iscrive a Scienze Politiche e ad Archeologia al Jesus College di Oxford, come ha fatto il suo eroe Lawrence.


Nel corso di Storia e Archeologia Orientali incontra altri quattro studenti, giovani lord d’Inghilterra, che la pensano come lui su Lawrence e hanno i medesimi ideali. Tutti e cinque offrono all’Ashmolean Museum i risultati dei loro scavi archeologici da dilettanti. È in quel momento che decidono di fondare la T. E. Spirit Society, in cui giurano di difendere sempre e dovunque l’opera di Lawrence.


E durante la cerimonia di investitura i quattro amici lord attribuiscono, simbolicamente, il titolo di lord a Blake, per cui nel club sono cinque e non quattro i lord! Però, non essendo pari d’Inghilterra, Francis non si fa fotografare con loro nelle foto ricordo e decide di entrare nella vita militare. Nel corso di una memorabile serata di addio alla vita civile decide di abbandonare il vizio del whisky.


L’indomani entra nello Staff College ad Andover, dove capisce che per essere accettato dai soldati deve dimenticare il passato trascorso fra i ricchi rampolli di Oxford. Per lui inizia un periodo esaltante, perché è accettato dagli istruttori grazie anche alla sua ammirazione per Lawrence, ex allievo in quella scuola di volo.


Subito dopo il conseguimento del diploma, incontra il capitano Vernon Kell, colui che, conosciuto nel mondo dell’intelligence come “K”, fondatore del British Security Service la cui Home Section sarebbe divenuta il celebre MI5.


E Kell lo convince ad arruolarsi, addestrandosi per due anni a diventare un agente segreto. Durante l’addestramento conosce William Steele, futuro capo dell’MI6.


Dopodiché, un giorno deve sostituire un collega in un’operazione che si rivela essere quella organizzata per eliminare Lawrence su una stradina di campagna.


Gli autori danno credito alla teoria del complotto ordito contro Lawrence, divenuto sgradito a certi ambienti retrogradi dell’amministrazione imperiale britannica. Tale teoria non è accettata dagli storici che credono alla morte sua accidentale sulla moto. Alla scoperta di aver partecipato, anche se in semplice veste di testimone, all’eliminazione del proprio eroe, Blake contatta gli altri membri della vecchia Society per mettere in salvo il manoscritto del loro eroe. I cinque amici organizzano un piano audace.


L’episodio finisce con la solita promozione di uno dei due eroi, in questo caso Mortimer, il quale riceve una lettera dell’esclusivo Centaur Club di Londra, che gli comunica di averlo ammesso fra i suoi soci, su proposta delle tre personalità londinesi, da lui salvate nel precedente episodio sul Marchio Giallo.



Post precedenti: Parte prima - Parte seconda - Parte terza - Parte quarta

lunedì 22 giugno 2020

Vetrina del 22 giugno 2020


Uscite della settimana
(I titoli in verde sono inediti in Italia)
Costo totale delle novità della settimana: 22,80

Giornalino 25, Periodici San Paolo - € 2,30

Sister (Les Sisters, Bamboo)
di Christophe Cazenove (t) e William (t/d)
Bugiarda professionista (tavola)

I dinosauri (Les dinosaures en BD, Bamboo)
di Arnaud Plumeri (t) Bloz (d)
1 - L'istinto materno (tavola) (Tome 1, 2010)


Integrali BD Nuova Serie 24, Editoriale Aurea - € 13,50


Dantes (Dantès, Dargaud)
di Philippe Guillaume e Pierre Boisserie (t) e Erik Juszezak (d)
3 - Il volto della vendetta (Le Visage de la vengeance, 2009)
4 - La resa dei conti (Pour solde de tout compte, 2010)


Lanciostory 2359, Editoriale Aurea - € 3,50

L'assassino che parla agli uccelli (L'assassin qui parle aux oiseaux, Dupuis)
di Jean-Claude Servais (t/d)
1 - (volume 1) (2005) 5a parte

Agenzia Hardy (Agence Hardy, Dargaud)
di Pierre Christin (t) e Annie Goetzinger (d)
2 - Una lieve traccia (La trace pâle, 2002) 2a parte

I vecchi forni (Les vieux forneaux, Dargaud)
di Wilfrid Lupano (t) e Paul Cauuet (d)
3 - Ritorni e partenze (Celui qui part, 2015) 1a parte


Il sogno di Gerusalemme (Le rêve de Jérusalem, Dupuis)
di Philippe Thirault (t) e Lionel Marty (d)
4 - Ecce homo (Ecce homo, 2010) 2a parte


Skorpio 2260, Editoriale Aurea - € 3,50

Il giardino di ghiaccio (Le jardin des glaces, Dupuis)
di Jean-Claude Servais (t/d)
(one-shot) (2008) 5a parte

L'ultima frontiera (Ultime frontière, Dargaud)
di Leo (t) e Icar (d)
4 - 4 (Épisode 4, 2017) 4a parte

S.O.S. Felicità (S.O.S. Bonheur Saison 2, Dupuis)
di Stephen Desberg (t) e Griffo (d)
5 - (stagione 2 volume 2) (Saison 2 Volume 2, 2019) 7a parte


Jérôme K. Jérôme Bloche (Jérôme K. Jérôme Bloche, Dupuis)
di Alain Dodier (t/d)
24 - L'eremita (L'ermite, 2014) 2a parte



Ancora in edicola


Historica 92, Mondadori Comics - € 12,99

Capo Horn (Cap Horn, Les Humanoïdes Associés)
di Christian Perrissin (t) e Enea Riboldi (d)
1 - La baia rivolta verso est (La Baie tournée vers l'Est, 2005)
2 - Nella scia dei cormorani (Dans Le Sillage des Cormorans, 2009)


Historica Biografie 38, Mondadori Comics - € 8,99

Paul Gauguin (Les Grandes Peintres, Glénat)
di Patrick Weber (t) e Nicoby (d)
11 - (one shot) (Paul Gauguin, 2016)


Linus 661, Baldini e Castoldi - € 6,00

Dall'altra parte della frontiera (De l'autre côté de la frontière, Dargaud)
di Jean-Luc Fromental (t) e Philippe Berthet (d)
(one-shot) (2020) 2a parte

Paulette (Paulette, Éditions du Square)
di Georges Wolinski (t) e Georges Pichard (d)
6 - (Paulette va al circo) (Le cirque des femmes, 1971) 2a parte


AureaComix Linea BD 55, Editoriale Aurea - € 14,90

Golias (Golias, Le Lombard)
di Serge Le Tendre (t) e Jérôme Lereculey (d)
2 - Il fiore del ricordo (La fleur du souvenir, 2013)