venerdì 29 marzo 2019

Classici Audacia - La grande sfida



Classici Audacia - scheda 1

1 - Michel Vaillant - La grande sfida
Arnoldo Mondadori Editore – Pubblicazione mensile - 1 dicembre 1963.
(brossurato, 62 tavole a colori). Direttore: Mario Gentilini.


Prima pubblicazione in lingua originale:
1 - Michel Vaillant - Le grand défi
Tintin edizione belga dal n.1 al n.43 del 1958 (63 tavole).
Tintin edizione francese dal n.486 al n.528 del 1958 (63 tavole).
volume edizioni Lombard gennaio 1959 (62 tavole).



Sinossi:
Michel Vaillant è un giovane pilota francese che corre con le vetture progettate dal fratello Jean-Pierre per la fabbrica Vaillante diretta dal padre Henri.


Il giornale L'Eclair de France e quello americano New Indian organizzano una sfida tra piloti europei e americani. L’avversario statunitense di Michel si chiama Steve Warson, già vincitore della 500 Miglia di Indianapolis, un pilota impenetrabile che al momento delle presentazioni evita di stringere la mano all’incredulo Michel.


Le prove previste nel programma di questa sfida si susseguono in maniera entusiasmante e, con il passare del tempo, la tensione tra i due sembra allentarsi trasformandosi in una rivalità leale e sportiva. Nell’ultima e decisiva prova al Nurburgring, Warson rischia di morire perdendo il controllo del suo bolide che si capovolge nella curva del Carrousel proprio nell’ultimo giro. Michel, dopo aver vinto la gara e la sfida, prosegue sul percorso del circuito per accorrere sul luogo dell’incidente. L'americano ha bisogno di un'urgente trasfusione e Michel si offre volontario donandogli il suo sangue. È l’inizio di una grande amicizia.


La tavola mancante
Nell’edizione dei Classici Audacia, come nelle edizioni in albo francesi, è stata eliminata, per ragioni di foliazione, una tavola (la trentunesima bis) apparsa nella rivista Tintin. Qui  viene riproposta nella nostra traduzione in italiano.


Note:
In mancanza di una splash-page, l’edizione dei Classici Audacia inserisce il titolo nella prima tavola, sacrificando, però, le prime tre vignette.


Le pagine pubblicitarie sui periodici Mondadori




Le ristampe italiane:


Michel Vaillant - La grande sfida
Albi Ardimento anno II n. 12 del 1970, Fr.lli Crespi
(brossurato, a colori, le tavole sono 59 per i tagli imposti)


Michel Vaillant - La grande sfida
Grande avventura dei fumetti n. 15, De Agostini 1990
(spillato, a colori, incompleto: sono stampate solo le 23 tavole finali)


Michel Vaillant - La grande sfida
volume 1, Edizioni Nona Arte Bédé 2010
(cartonato, 62 tavole a colori)


Michel Vaillant - La grande sfida
Le storie di Michel Vaillant n. 5, La Gazzetta dello Sport 2013
(brossurato, 62 tavole a colori)

mercoledì 27 marzo 2019

W•E•S•T


Nella collana Albi Avventura della Gazzetta dello Sport, dalla prossima settimana, verrà pubblicato l’intero ciclo della serie W.E.S.T. Il titolo potrebbe far subito pensare ad un classico fumetto western, ed invece siamo negli Stati Uniti, all’inizio del XX secolo.


Un nuovo spirito dei tempi, noto come Progressismo, sta cambiando l’America che deve far fronte al nascere di boss politici e industriali corrotti. In questo caos, i signori Morton Chapel, Bart Rumble, Angel Salvaje, Joey Bishop e la bella Kathryn Lennox formano una squadra di mercenari al servizio dello stato per combattere forze occulte e le violenze che destabilizzano la giovane società a stelle e strisce.


Il loro nome in codice è W.E.S.T (Weird Enforcement Special Team). Nonostante siano molto diversi fra loro, i componenti del team danno vita ad un gruppo decisamente affiatato e combattivo. Il loro finanziatore si chiama Richard Clayton e agisce sotto l’ordine diretto del presidente degli Stati Uniti.

Il fumetto, ricco di riferimenti esoterici, è scritto e ideato dai francesi Xavier Dorison (Long John Silver, Undertaker) e Fabien Nury (Il était une fois en France). Il disegnatore è Christian Rossi (Jim Cutlass, Le chariot de Thespis). 


In Italia la prima storia è stata presentata in un volume cartonato delle Edizioni BD nel 2005. Eura Editoriale ha pubblicato, poi, la serie a puntate su Skorpio dal 2006 al 2011. Cosmo lo ha riproposto, in formato “Bonelli”, nel 2016 ed ora arriva, come detto, anche nella collana degli Albi Avventura in un formato certamente più godibile.



W.E.S.T
testi di Xavier Dorison e Fabien Nury, disegni di Christian Rossi


1 - La chute de Babylone
Dargaud 2003

- La caduta di Babilonia
volume cartonato Edizioni BD del 2005
Skorpio dal n.52 del 2006 al n.1 del 2007, Eura Editoriale
Serie Gialla n.48 del 2016, Editoriale Cosmo
Albi Avventura n.33, La Gazzetta dello Sport 2019 (di prossima pubblicazione)


2 – Century Club
Dargaud 2005

- La caduta di Babilonia
Skorpio dal n.2 al n.3 del 2007, Eura Editoriale
Serie Gialla n.48 del 2016, Editoriale Cosmo
Albi Avventura n.33, La Gazzetta dello Sport 2019 (di prossima pubblicazione)


3 – El Santero
Dargaud 2006

- La caduta di Babilonia
Skorpio dal n.4 al n.5 del 2007, Eura Editoriale
Serie Gialla n.49 del 2016, Editoriale Cosmo
Albi Avventura n.34, La Gazzetta dello Sport 2019 (di prossima pubblicazione)


4 – Le 46e état
Dargaud 2008

- Il 46° stato
Skorpio dal n.19 al n.23 del 2008, Eura Editoriale
Serie Gialla n.49 del 2016, Editoriale Cosmo
Albi Avventura n.34, La Gazzetta dello Sport 2019 (di prossima pubblicazione)


5 – Megan
Dargaud 2009

- Il 46° stato
Skorpio dal n.46 al n.50 del 2009, Eura Editoriale
Serie Gialla n.50 del 2016, Editoriale Cosmo
Albi Avventura n.35, La Gazzetta dello Sport 2019 (di prossima pubblicazione)


6 – Seth
Dargaud 2011

- Seth
Skorpio dal n.41 al n.45 del 2011, Editoriale Aurea
Serie Gialla n.50 del 2016, Editoriale Cosmo
Albi Avventura n.35, La Gazzetta dello Sport 2019 (di prossima pubblicazione)



lunedì 25 marzo 2019

Vetrina del 25 marzo 2019

Uscite della settimana (aggiornamento del 25 marzo 2019)
(I titoli in verde sono inediti in Italia)
Costo totale delle novità della settimana: 40,98

Albi Avventura 32, I Fumetti de La Gazzetta Dello Sport - € 4,99


Vent'anni dopo (Vingt ans aprés, Le Lombard)
di Jean Van Hamme (t) e Dany (d)
(one-shot) (1977)

Storia senza eroi (Histoire sans hèros, Le Lombard)
di Jean Van Hamme (t) e Dany (d)
(one-shot) (1977)


Asterix 13, I Fumetti de La Gazzetta Dello Sport - € 4,99


Asterix (Asterix, Dargaud)
di René Goscinny (t) e Albert Uderzo (d)
10 - Asterix Legionario (Astérix Légionnaire, 1967)


Giornalino 12, Periodici San Paolo - € 2,30

L'isola (Island, Bamboo)
di Sébastien Mao (t) e Waltch (d)
1 - Una strana galleria (Deus ex-machina, 2018) (quinta puntata)

Raul & Fernando (Raoul & Fernand, Bamboo)
di Erroc (t/d)
3 - L'animale selvaggio (tavola) (La loi du canapé, 2007)

Animali Marini (Les animaux marins en bande dessinée, Bamboo)
di Christophe Cazenove (t) e Jytéry (d)
4 - La differenza tra otaria e foca (storia breve) (Tome 4, 2016)


Serie verde 59, Editoriale Cosmo - € 4,90


Jeremiah (Jeremiah, Dupuis)
di Hermann (t/d)
19 - Terre di confine (Zone frontière, 1996)
20 - Mercenari (Mercenaires, 1997)


Integrali BD Nuova Serie 9, Editoriale Aurea - € 11,90


I.R.$. Team (I.R.$. Team, Le Lombard)
di Stephen Desberg (t) e Marc Bourgne (d)
1 - Football Connection (Football Connection, 2013)
di Stephen Desberg (t) e Daniel  Koller (d)
2 - Wags (Wags, 2013)


Lanciostory 2294, Editoriale Aurea - € 3,50

Mutazioni (Mutations, Dargaud)
di Leo e Corine Jamar (t) e Fred Simon (d)
1 (1. Épisode 1, 2018) 3a parte

Lo sparviero (L'Epervier, Dupuis)
di Patrice Pellerin (t/d)
1 - Il trapasso di Kermellec (Le Trépassé de Kermellec, 1994) 4a parte


Skorpio 2195, Editoriale Aurea - € 3,50

Jérôme K. Jérôme Bloche (Jérôme K. Jérôme Bloche, Dupuis)
di Alain Dodier (t/d)
8 - Il vagabondo delle dune (Le vagabond des dunes, 1992) 1a parte

Djinn (Djinn, Dargaud)
di Jean Dufaux (t) e Ana Mirallès (d)
13 - Kim Nelson (Kim Nelson, 2016) 4a parte


Lanciostory Maxi 45, Editoriale Aurea - € 4,90


Jessica Blandy (Jessica Blandy, Dupuis)
di Jean Dufaux (t) e Renaud (d)
18 - Il contratto Jessica (Le contrat Jessica, 2000)



Ancora in edicola


Historica Biografie 23, Mondadori Comics - € 8,99

Cixi la Dama Dragone (Les reines de sang, Delcourt)
di Philippe Nihoul (t) e Fabio Mantovani (d)
Parte prima (La Dame Dragon - Volume 1, 2015)


Serie rossa 77, Editoriale Cosmo - € 4,90

Marzabotto (Le Voyage de Marcel Grob, Futuropolis)
di Philippe Collin (t) e Sébastien Goethals (d)
(one-shot) (2018) prima parte


I grandi maestri 25, Editoriale Cosmo - € 5,30

Druuna (Druuna, Dargaud)
di Paolo Eleuteri Serpieri (t/d)

1 - Morbus Gravis (Morbus Gravis, 1986)




AureaComix Linea BD 40, Editoriale Aurea - € 9,90

Agenzia Interpol (Agence Interpol, Dupuis)
di Philippe Thirault (t) e Lionel Marty (d)
1 - Mexico: La muerte (Mexico - La muerte, 2012)


venerdì 22 marzo 2019

Storia senza eroi



Tra la fine del 1973 e l’inizio del 1974 Van Hamme scrive Histoire sans héros e la propone a Greg, a quel tempo redattore capo di Tintin.  Non è semplice farla pubblicare perché lo scrittore è alle sue prime esperienze nel campo e gli editori preferiscono le serie per poterle eventualmente rieditare successivamente in una collana di album. A dar man forte al giovane sceneggiatore che si guadagna il pane lavorando ancora per la Philips interviene Dany, a cui viene consegnata la sceneggiatura e che già conosce e frequenta Van Hamme.


Il disegnatore è già un nome affermato e la storia gli dà l’opportunità di cimentarsi per la prima volta con la bédé realistica  dopo il suo successo nel campo umoristico con Oliver Rameau.


Grazie al suo interessamento e alla disponibilità a illustrarla, nell’estate del 1975 Histoire sans héros appare così sul settimanale belga suddivisa in capitoli, secondo questa nuova usanza in voga nei periodici di quegli anni.


L’album seguirà ma solo alcuni anni dopo per le comprensibili titubanze di Maurice Leblanc, patron delle Editions du Lombard , a cui ovviamente non sfuggiva anche il fatto che la storia oltre a essere un one-shot era anche, come evidenziava il titolo, non solo senza personaggi positivi ma anche senza un vero protagonista attorno al quale ruotasse tutta la vicenda e nel quale i lettori potessero immedesimarsi.


L’album vende abbastanza da allontanare le più pessimistiche previsioni, ma non certo da essere definito un successo. Oggi comunque, dopo più di quarant’anni, piano piano è arrivato a toccare quota 100.000 copie.
La collaborazione tra Van Hamme e Dany prosegue con un nuovo personaggio seriale, Arlequin, la cui storia editoriale è breve e fallimentare nel giudizio sia del pubblico che dei critici.


Devono passare venti anni prima che i due lavorino di nuovo insieme e questa volta per qualcosa di più unico che raro nel campo della bédé: dare un seguito alle vicende dei sopravvissuti del volo Conair precipitato nella giungla amazzonica. Vingt ans apres nel 1997 dichiara apertamente nel titolo sia il tempo passato nella vicenda dei superstiti della tragedia che quello dalla pubblicazione del volume, oltre a manifestare un per niente velato omaggio all’autore dei Tre Moschettieri.


Ecco quindi che lo one-shot si evolve in un particolarissimo dittico che non ha affatto voglia di concludere la sua vita neanche allora, visto che, in occasione della riedizione come integrale in unico volume, viene arricchito da alcune pagine di testo dove Largo Winch (sì, proprio lui!) narra l’origine della storia e da cinque tavole di raccordo tra la prima e la seconda parte.


Histoire sans héros-Vingt ans après è una bédé decisamente particolare. Oltre a spostare continuamente l’attenzione sui diversi personaggi mostrandone aspetti positivi e subito dopo negativi e poi ancora positivi, presenta due diverse scritture sia nella sceneggiatura che nei disegni.


Vent’anni sono passati pure per Van Hamme e Dany e se il primo padroneggia molto meglio lo sviluppo della storia e la fluidità degli eventi, il secondo ha superato le asperità grafiche della sua prima avventura in campo realistico.


In Italia le due parti sono apparse del 1997 su Skorpio e torneranno settimana prossima nel nuovo numero degli Albi Avventura della Gazzetta dello Sport, con parte dei contenuti aggiunti nel 2007 in occasione della pubblicazione dell’integrale.


- Histoire sans héros (46 tavole)
Tintin ed.belga dal n.24 (10/06/1975) al n.32 (5/8/1975)
Tintin l'hebdoptimiste (ed.francese) dal n.127  (10/06/1975) al n.135 (5/8/1975)
Album Le Lombard 1977
Integrale, Le Lombard 1997

- Storia senza eroi
Skorpio dal n.19 al n.22 del 1997, Eura Editoriale
Albi Avventura n.35, La Gazzetta dello Sport 2019


- Vingt ans aprés
Album Le Lombard 1997
Integrale, Le Lombard 1997

- Vent’anni dopo
Skorpio dal n.32 al n.36 del 1997, Eura Editoriale
Albi Avventura n.35, La Gazzetta dello Sport 2019



mercoledì 20 marzo 2019

Un’inchiesta fra banconote e bombe


Mai, dal termine dell’ultimo conflitto mondiale, i rapporti diplomatici fra Italia e Francia avevano subito un così forte deterioramento. Evitando un qualsiasi giudizio politico, prendiamo tuttavia spunto dalle attuali controversie per segnalare una delle ultime novità d’oltre alpe.
Fresco di stampa, l’editore Delcourt lancia Sarkozy-Kadhafi, des billets et des bombes, un documento storico che ripercorre con analitica precisione l’intreccio politico fra lo storico leader libico Gheddafi e l’ex presidente francese Sarkozy.


La cronaca recente ci racconta di come quest’ultimo, nel marzo del 2018, fu posto sotto accusa e iscritto nel registro degli indagati per i fondi neri libici che avrebbero finanziato illegalmente la sua prima campagna elettorale. Diventato presidente nel 2007, Sarkozy accolse nello stesso anno Gheddafi a Parigi. Qui il leader libico, ricevuto in pompa magna, non mancò di distinguersi, piantando, fra le proteste popolari, le proprie tende nel cortile dell’Eliseo.


Un patto, quello suggellato fra i due statisti, che portò Sarkozy alla presidenza della repubblica e Gheddafi, in cerca di visibilità sulla scena diplomatica internazionale, ad accarezzare l’idea di un grande progetto africano con il reale intento di sedersi al tavolo dei potenti. Gli eventi successivi, descritti con particolare minuzia nel volume, volsero, come sappiamo, in tutt’altra direzione.


Sarkozy, una volta ottenuta la presidenza, iniziò a trovare imbarazzante quell’amicizia e l’intesa bilaterale fra i due paesi incominciò a vacillare. Lo spunto fu un massacro di civili libici eseguito dai fedelissimi di Gheddafi, rivelatosi poi falso, che indusse il presidente francese, con l’appoggio della Nato, a chiudere frettolosamente la scandalosa vicenda con i famosi raid aerei. L’epilogo, che conosciamo tutti, è anche il prologo del libro che inizia proprio con la dipartita del dittatore libico.


L’album è una vera inchiesta incrociata portata avanti dai giornalisti di Radio France Benoît Collombat e Élodie Guéguen con i colleghi indipendenti Michel Despratx e Geoffrey Le Guilcher insieme a Fabrice Arfi di Médiapart, sito di informazione indipendente.
Questa collaborazione è stata considerata un’esperienza unica che ha visto per la prima volta cinque giornalisti, dopo anni d’indagini, raggruppare tutte le informazioni raccolte e a sintetizzarle in fumetto grazie al contributo del disegnatore Thierry Chavant.


Quest’ultimo, che non si è limitato all’aspetto grafico, è riuscito nel difficile compito di cementare le diverse fonti e a tradurle in immagini con un segno essenziale e moderatamente graffiato. 
Davvero tante le curiosità nell’album. Dall’uccisione di Gheddafi ai raid aerei, fino alla misteriosa morte di Choukri Ghanem, ex statista libico, trovato annegato a Vienna nel 2006.


Scene di forte impatto emotivo, rese ancora più drammatiche e sconvolgenti dalla veridicità degli eventi narrati oltre che dal sapiente disegno di Chavant.
Ultima nota di particolare interesse è la voce narrante della storia. Niente pesanti didascalie, ma un semplice omino dal volto arancione, inserito all’interno delle vignette per aiutare il lettore a districarsi in una narrazione alquanto complessa.



In patria è stato definito ”un fumetto di pubblica utilità”. “Una storia precisa, ultra documentata (con un corpus che nella parte finale include foto, lettere e documenti mostrati per la prima volta ...)”. 
Attendiamo l’edizione in italiano.