martedì 31 dicembre 2013

Tanguy e Laverdure, i cavalieri del cielo


Michel Tanguy e il suo inseparabile compagno di avventure Ernest Laverdure sono due piloti dei caccia Mirage della squadriglia delle “Cicogne” dell’Aeronautica Militare Francese. Dopo essersi diplomati alla scuola di Salon, con le loro imprese si sono guadagnati un posto tra i «top gun» dell’aviazione transalpina volando sui famosissimi Mirage III. Il primo è il classico eroe della situazione, serio e coraggioso; mentre il secondo, altrettanto audace, è un tipo eccentrico, gran pasticcione, protagonista di esilaranti siparietti comici. Questo fumetto creato dai celeberrimi Albert Uderzo e Jean-Michel Charlier è apparso per la prima volta nel primo numero del mitico giornale Pilote il 29 ottobre 1959. Nell’edizione italiana dei Classici Audacia il nome originale di Michel Tanguy viene cambiato con Mike Tanguy, probabilmente per non generare confusione con il personaggio Michel Vaillant presente nella stessa testata.




Tanguy e Laverdure di Charlier e Uderzo

Classici Audacia - Mondadori Editore, 1967/68 
1. Caccia al missile (CA 40, 1967) (L'École de aigles, Dargaud 1961)
2. Il prezzo dell’onore (CA 43, 1967) (Pour l'honneur des cocardes, Dargaud 1962)
3. Pericolo in cielo (CA 47, 1967) (Danger dans le ciel, Dargaud 1963)
4. La squadriglia delle Cicogne (CA 52, 1967) (Escadrille des Cigognes, Dargaud 1964)
5. Il sabotaggio (CA 57, 1967) (Mirages sur l'orient, Dargaud 1965)   
6. L’aereo rapito (CA 62, 1967) (Canon bleu ne répond plus, Dargaud 1966)

Storie brevi pubblicate su Pilote:          
Tanguy va a scuola (CA 40, 1967) (La rentrée de Tanguy Mike, 1964)                        
Gli assi del pallone (CA 43, 1967) (Les as du ballon rond, 1964)   

Le copertine dei Classici Audacia sono opera dell’artista Pino D’Angelico.

7. Cap Zéro, Dargaud 1967 (inedito)

Cartonati - Mondadori Editore, 1971 
8. Pirati dell’aria (Pirates du ciel, Dargaud 1967)          




Albert Uderzo trascinato dall’enorme successo ottenuto con Astérix fu costretto ad abbandonare questa serie per consumare tutte le sue energie disegnando le tavole dell’invincibile gallico. Un vero peccato perché la maturazione grafica dall’autore di origine italiana nella realizzazione del fumetto realistico raggiunge, negli ultimi albi, livelli artistici eccellenti. La serie fu affidata, comunque, ad un altro cavallo di razza: Joseph Gillain in arte Jijé. L’artista belga, autore del bellissimo western Jerry Spring, seppe non far rimpiangere il suo predecessore, illustrando magistralmente le storie scritte da Charlier.
Le copertine dei volumi cartonati vennero affidate al pittore Yves Thos che contemporaneamente realizzava anche quelle di Barbarossa, Bob Morane e altre della casa editrice Dargaud.

Tanguy e Laverdure di Charlier e Jijé

Cartonati - Mondadori Editore, 1971 
9. Gli angeli neri (Les Anges noirs, Dargaud 1968)


Classici e Collana M. Vaillant - Alessandro Distibuzioni, 1988/89 
10. Missione speciale (CL 19, 1989) (Mission spéciale, Dargaud 1968)
11. Destinazione Pacifico (CMV 13, 1988) (Destination Pacifique, Dargaud 1969)           
12. Minaccia su Mururoa (CMV 15, 1988) (Menace sur Mururoa. Dargaud 1969)      
13. Tenente Doppio Bang (CMV 17, 1988) (Lieutenant Double-Bang, Dargaud 1970)         
14. Lampi sul deserto (CMV 19, 1988) (Baroud sur le désert, Dargaud 1970)               
15. Les vampires attaquent la nuit, Dargaud 1971 (inedito)
16. La terreur vient du ciel, Dargaud 1971 (inedito)

L'Avventuroso Colore - Editore SEA, 1975 
17. Missione "Ultima risorsa"  (AC 7/10 + Special) (Mission derniére chance, Dargaud 1972) 
         
La storia Missione "Ultima Risorsa" apparsa su l'Avventuroso Colore è stata riproposta in un volume cartonato di grandissimo formato (cm 46x32) che contiene anche una storia del tenente Blueberry, di Axel Munshine e dell’Impero di Trigan 
                   
18. Un DC-8 a disparu, Dargaud 1973 (inedito)
19. La Mystérieuse Escadre Delta, Fleurus 1979 (inedito)
20. Opération Tonnerre, Novedi 1981, (inedito)



Storie brevi pubblicate su Pilote Super Pocket, alcune delle quali inserite nei volumi: 
- 21 (Premiéres missions, Hachette 1981) 
- 22 (Station brouillard, Hachette 1982)

Superalbo Audacia - Mondadori Editore, 1969/70 
- Trappola per un pilota (SA 1, 1969) (Piége pour un pilote, 1969)
- Prima missione (SA 6, 1969) (Premiére mission, 1969)                                               
- Le spie (SA 2, 1969) (Rapt en plein ciel, 1969)                                                            
- Il sabotatore (SA 3, 1969) (Le saboteur, 1969)
- Controspionaggio aereo (SA 4, 1970) (Contre-espionnage aérien, 1969)
- Stazione tra le nebbie (SA 4, 1970) (Station Brouillard, 1969)                  
- Frequenza 268.5. (SA 5, 1970) (Fréquence 268.5, 1969)
Il grande miraggio (SA 6, 1970) (Le grande mirage, 1970)                                    
- Les espions des sables, 1970 (inedito)
         

Dopo la morte di Jijé nel 1980, i disegni sono affidati a Patrice Serres che disegnerà Tanguy fino al ventiquattresimo albo. Il venticinquesimo è illustrato da Al Coutelis. Poi, nel 1989, viene a mancare anche Charlier e la serie viene sceneggiata da Jean-Claude Laidin per i disegni di Yvan Fernandez (vol. 26 e 28) e Renaud Garreta (27).

23. Plan de vol pour l'enfer, Hachette 1983 (inedito)
24. L'espion venu du ciel, Novedi 1983 (inedito)
25. Survol interdit, Novedi 1988 (inedito)
26. Prisonniers des serbes, Dargaud 2002 (inedito)
27. Opération opium, Dargaud 2005, (inedito)
28. Le vol 501, Dargaud 2012 (inedito)

Un'edizione integrale della avventure di Tanguy e Laverdure è stata pubblicata da Dargaud in 8 volumi dal 1996 al 2001, e ripubblicata negli anni seguenti.



Tanguy incontra Buck Danny e Dan Cooper

Jean-Michel Charlier, come molti sapranno è l’autore di Buck Danny, un’altra serie di aviazione e, nel sesto albo di Tanguy (Canon bleu ne répond plus) fece incontrare il pilota francese con quello americano in Groelandia. Qualche tempo dopo i due si ritrovarono in una avventura di Buck Danny (Les Anges Bleus) durante una parata per festeggiare un anniversario della Pakistan Air Force, nella quale era presente anche Dan Cooper.




La serie tv

Una bellissima serie di televisiva Les Chevaliers du ciel è realizzata dalla  televisione francese nel 1966 (prima serie) e nel 1972 (seconda serie). La coproduzione O.R.T.F. e Son et Lumiere consiste in 39 episodi della durata di 26 minuti cadauno. La sceneggiatura, che si basa sulle avventure dei fumetti, è di Jean-Michel Charlier. La regia è di François Villier. Impressionante la somiglianza degli attori con i personaggi tratteggiati da Uderzo: Michel Tanguy è interpretato da Jacques Santi e l’amico Ernest Laverdure da Christian Marin. Le due indimenticabili sigle della serie: Les Chevaliers du ciel e Le ciel nous fait rêves sono incise e cantate da Johnny Halliday. In Italia la serie I Cavalieri del Cielo è stata trasmessa dalla RAI negli Anni Settanta ed è stata riproposta da Canal Jimmy più recentemente. Nel 1988 TF1 diffonde una nuova serie di telefilm (dieci episodi), scritti da J.M. Charlier con Chabbert e Walter e interpretati da Christian Vadim e Thierry Redler.
Nel 1967, la Dinky Toys, famosa casa di automobiline inglese, ha prodotto in scala 1:43 la Renault Sinpar 4x4 che Ernest Laverdure guida maldestramente nel serial televisivo.




Il recente film di Gérard Pirès Les Chevaliers du ciel (2005), uscito nelle sale italiane con il titolo Sky Fighters, si basa sulle sceneggiature della serie a fumetti di Charlier anche se i due piloti da caccia nel film non si chiamano Tanguy e Laverdure.



8 commenti:

Anonimo ha detto...

Vetrina interessante e completa su una serie che avrebbe certamente meritato maggiore fortuna qui da noi. Articolo ricco di dettagli e piccoli contenuti extra che sono una gioia per gli appassionati.
Davvero complimenti!
Pietro - LT

Pinuccio 1951 ha detto...

Ho trovato molto esaustivo il servizio sulla serie grazie, anche alla fornitura di notizie che veramente non conoscevo.Il tutto costituisce una preziosa fonte di documentazione per gli appassionati di BD. Un grazie denso di gratitudine.

Zona Bedé ha detto...

Grazie per l'apprezzamento e per i commenti, essenziali per aiutarci a fare sempre meglio. Abbiamo in programma altri post sui grandi personaggi del fumetto franco-belga, continuate a seguirci. Buon anno!!!

Giacomo Pueroni ha detto...

Ottimo pezzo, mi permetto di aggiungere un piccolo dettaglio relativo al film. La produzione uscì dopo che erano già stati prodotti sia il film di Michel Vaillant che (poco tempo prima) quello di Blueberry, entrambi con poca fortuna. Come riferito dal figlio di Charlier in un forum francese di fumetti, a causa di questo la produzione decise di togliere il collegamento con il fumetto dato dai nomi dei protagonisti. Così cambiarono i nomi e si fece in tempo a cambiare il casting ed a modificare la sceneggiatura. Così il personaggio di Tanguy cambiò nome e si vide crescere i baffi, e Laverdure oltre al nome perse anche del tutto l'aria buffa e i capelli buondi, diventando serio. Ma poichè il film faceva comunque riferimento alla serie, Charlier figlio accettò che il nome del padre finisse comunque nei credits finali, e il titolo rimase quello della serie.
E' buffo che in Italia il film venisse titolato nell'inglese "Skyfighters."

Corrierino ha detto...

Prima ancora che nei fumetti ricordo che conobbi Tanguy e Laverdure nella serie TV della RAI.

Grazie per la completezza di informazioni presente in questo e in tutti gli altri post del blog.

Emiliano Nanni ha detto...

speriamo in una riedizione integrale anche in Italia! un plauso comunque agli autori per il lavoro, complimenti davvero!

Anonimo ha detto...

non ho visto il film, ma, anche se buffo, penso che il nome inglese fosse stato scelto per ragioni commerciali di distribuzione: i film francesi in Italia non hanno fatto mai un grande successo.

Dany Yellow ha detto...

pensate che una petizione di vecchi bedeisti potrebbe smuovere il cuore e il portafoglio di un editore già propenso a stampare il materiale franco-belga, uno tipo 001 o nona arte per esempio?