sabato 14 gennaio 2017

Il Medioevo delle Torri di Bois Maury


Dopo Bernard Prince e Comanche realizzati con Greg, Hermann decide che è venuto il momento di scrivere da solo i soggetti per i propri disegni. Dopo Jeremiah nasce, così, nel 1984, Les Tours de Bois Maury. Si tratta di una saga medioevale che si svolge all’inizio del XII sec., all’epoca della Prima Crociata, il cui primo episodio è stato edito in Jugoslavia da Strip Art Features e poi dalle edizioni Glénat per la versione francese nel medesimo anno.


Sarebbe naturale fare un paragone con il celebre Prince Valiant di Hal Foster, splendida saga medievale nota in tutto il mondo, in cui l’autore canadese fa una ricostruzione totalmente di fantasia, poco ancorata a quella che doveva essere la realtà dell’epoca medievale. Il Medioevo descritto da Hermann, invece, è un’epoca rude, violenta, molto più realistica, benché rappresenti la sua personale visione sull’affascinante evo storico.


Tutti gli episodi hanno un diverso nome proprio nel titolo, perché ogni episodio dei primi dieci si incentra su di un personaggio differente con cui entra in contatto il vero protagonista della serie, Aymar de Bois-Maury. Costui è nobile cavaliere crociato francese, che partecipa alla “liberazione della Palestina”.


Adempiuto il suo dovere di cristiano, tenta di ritornare in possesso delle proprie terre in Francia, sottrattegli ingiustamente. Il suo sogno, dunque, è di riconquistare il paese di Maury, di cui è il legittimo sovrano, e di rivedere le torri di Bois-Maury.


Da qui inizia il suo lungo peregrinare che lo riavvicina alle terre natie, affiancato dal fedele scudiero e tuttofare Olivier. Durante le sua marcia di riavvicinamento incrocia cavalieri, crociati, signorotti, damigelle, paesani, preti e banditi. Tutti i personaggi sono descritti con particolare efficacia e realismo dall’autore. Anzi si deve sottolineare come Hermann riesca ad approfondire le psicologie dei comprimari, che non risultano mai banali, sono molto veritiere e in questo aspetto l’autore belga è uno dei migliori autori avventurosi internazionali.


Le atmosfere dei suoi racconti sono intrisi di una patina di tristezza, non c’è sempre un lieto fine. Questa impostazione, forse, deriva più da una visone pessimistica della vita dell’autore, riscontrabile peraltro anche in Jeremiah e negli One Shot, più che per adeguare le storie raccontate alla descrizione di maniera fatta dagli storici su quell’epoca ritenuta, a torto, oscura. Certamente non mancano momenti di sottile umorismo, ma sono subito stemperati dall’imperante atmosfera cupa.


Le sue scenografie non sono ricostruite sempre con particolare precisione storica, come ci hanno abituato da tempo gli autori franco-belgi, però rappresentano un adeguato fondale di rara bellezza alle sue trame, in questo aiutato anche dall’uso dei colori sfumati; e il lettore, affascinato dai disegni e dalla narrazione, non presta minimante attenzione a tale aspetto, marginale in un fumetto che si basa sulla psicologia dei personaggi e sulla trama, più che sull’obiettività storica.


Alla fine del decimo episodio, Aymar giunge al suo amato paese…ma cade prima di aver potuto rivedere le torri di Bois-Maury, similmente al Giovanni Drogo nel Deserto dei Tartari di Dino Buzzati, il quale, dopo aver atteso a lungo nella fortezza Bastiani l’arrivo dei tartari, muore subito prima del loro avvistamento.


Da quel momento Hermann decide di cambiare intestazione alla serie, divenuta dall’undicesimo episodio semplicemente Bois-Maury, e di narrare le vicende dei discendenti di Aymar, uno diverso in ogni episodio, un poco come nel Timur di Sirius, mantenendo però la tradizione di un nome differente in ogni titolo.


La qualità delle storie è comunque sempre di alto livello. Molto bello l’episodio intitolato Assunta che si svolge in Sicilia, dove riesce a rendere con rara maestria una visione non di maniera della Trinacria.


Molto belle le scene sull’Etna e le inquadrature sul castello rupestre medievale di Sperlinga, inserito nell’elenco fatto da Federico II nel 1239 sui castra exempta, cioè i castelli di grande rilevanza economico-militare. Ovviamente questa precisione di ambientazione è frutto di un viaggio di Hermann in Sicilia, dove la moglie ha scattato molte foto, come lui stesso ha raccontato nel recente incontro a Reggio Emilia nel corso della 57a Mostra Mercato organizzata dall’ANAFI.


In Italia la serie è stata tradotta via via nei mesili della Comic Art, sui settimanali della Eura poi Aurea Editoriale, nei cartonati di Alessandro Editore e nei volumi della collana Historica della Mondadori Comics.


Cronologia delle Torri di Bois Maury


1 – Babette (44 tavole)
Circus dal n.73 al n.78 del 1984
album Glénat 1984

- Babette
L’Eternauta dal n.25 al n.29, EPC Edizioni 1984
Lanciostory dal n.44 al n.46 del 1989, Eura Editoriale
Grandi Eroi 68 1990 editrice Comic Art
Skorpio dal n.35 al n.38 1997 Eura Editoriale
volume 1, Alessandro Editore 2002
volume Historica 25, Mondadori 2014


2 - Eloise de Montgri (44 tavole)
Vecu dal n.1 al n.6 del 1985
album Glénat 1985

- Eloisa di Montgri
L’Eternauta dal n.36 al n.42, EPC Edizioni 1985
Lanciostory dal n.47 al n.49 del 1989, Eura Editoriale
Grandi Eroi 106 1991 editrice Comic Art
Skorpio dal n.39 al n.42 del 1997 Eura Editoriale
volume 2, Alessandro Editore 2002
volume Historica 25, Mondadori 2014


3 -  Germain (44 tavole)
Vecu dal n.13 al n.18 del 1986
album Glénat 1986

- Germain
L’Eternauta dal n.46 al n.50, EPC Edizioni 1986
Skorpio dal n.43 al n.46 del 1997, Eura Editoriale
volume 3, Alessandro Editore 2003
volume Historica 25, Mondadori 2014


4 - Reinhardt (44 tavole)
Vecu dal n.27 al n.29 del 1987
album Glénat 1987

- Reinhardt
L’Eternauta dal n.54 (EPC 1987) al n.60 (Comic Art 1988)
Skorpio dal n.47 al n.50 del 1997, Eura Editoriale
volume 4, Alessandro Editore 2003
volume Historica 29, Mondadori 2014


5 - Alda (44 tavole)
Vecu dal n.33 del 1988 al n.35 del 1989
album Glénat 1988

- Alda
L’Eternauta dal n.73 al n.75, Comic Art 1989
Skorpio dal n.51del 1997 al n.2 del 1998, Eura Editoriale
volume 5, Alessandro Editore 2004
volume Historica 29, Mondadori 2014


6 - Sigurd (44 tavole)
Vecu n.40 del 1989
album Glénat 1990

- Sigurd
L’Eternauta dal n.84 al n.86, Comic Art 1990
L’Eternauta Presenta 153, Comic Art 1996
Skorpio dal n.3 al n.6 del 1998, Eura Editoriale
volume 6, Alessandro Editore 2004
volume Historica 29, Mondadori 2014


7 - William (44 tavole)
Vecu n.45 del 1990 (prime 12 tavole)
album Glénat 1991

- William
L’Eternauta dal n.101 al n.103, Comic Art 1991
L’Eternauta Presenta 154. Comic Art 1996
Skorpio dal n.7 al n.10 1998 Eura Editoriale
volume 5, Alessandro Editore 2005
volume Historica 33, Mondadori 2014


8 - Le Seldjouki (45 tavole)
Vecu n.53 del 1992 (prime 9 tavole)
album Glénat 1992

- Il selgiuchida
L’Eternauta dal n.113 al n.115, Comic Art 1992
L’Eternauta Presenta 156 1996 editrice Comic Art
Skorpio dal n.11 al n.14 del 1998, Eura Editoriale
volume 8, Alessandro Editore 2005
volume Historica 33, Mondadori 2014


9 - Khaled (44 tavole)
album Glénat 1993

- Khaled
L'Eternauta n.144, Comic Art 1995
Skorpio dal n.15 al n.18 del 1998, Eura Editoriale
volume 9, Alessandro Editore 2006
volume Historica 33, Mondadori 2014


10 - Olivier (44 tavole)
Vecu n.58 del 1994
album Glénat 1994

- Olivier
Skorpio dal n.19 al n.22 del 1998, Eura Editoriale
volume 10, Alessandro Editore 2006
volume Historica 33, Mondadori 2014


11 - Assunta (44 tavole)
album Glénat 1998

- Assunta
Skorpio dal n.27 al n.30 del 1998, Eura Editoriale
volume Alessandro Editore 1998


12 - Rodrigo (46 tavole)
album Glénat 2003

- Rodrigo
Skorpio dal n.44 al n.47 del 2001, Eura Editoriale
volume Alessandro Editore 2003
volume Historica 2, Mondadori 2012


13 - Dulle Griet (46 tavole)
album Glénat 2006

- Dulle Griet
Skorpio dal n.17 al n.18 del 2007, Eura Editoriale
volume Historica 2, Mondadori 2012


14 - Vassya (46 tavole)
album Glénat 2009

- Vassya
Skorpio dal n.42 al n.45 del 2009, Eura Editoriale
volume Historica 2, Mondadori 2012


15 - Oeil de ciel  (46 tavole)
album Glénat 2012

- Occhio di cielo
Skorpio dal n.21 al n.24 del 2012, Editoriale Aurea
volume Historica 2, Mondadori 2012


1 commento:

Pierpaolo Ghisetti ha detto...

da leggere e rileggere: non stanca mai! al limite del capolavoro
Pierpaolo