venerdì 3 novembre 2017

Valérian Mania


Abbiamo parlato abbondantemente sulla mania franco-belga di pubblicare libri e riviste su Hergé e Tintin. Non crediate che per Pierre Christin e Jean-Claude Mézières il discorso sia diverso. Non mancano, infatti, riviste con dossier, articoli e copertine sui due creatori di Valérian et Laureline, a dimostrazione del successo dei simpatici agenti del Service Spatio-Temporal di Galaxity. In maggior parte si tratta di interviste, dal momento che gli autori sono sempre stati molto disponibili a concederle.


La loro fama ha varcato anche l’oceano Atlantico, infatti ha meritato una copertina della rivista statunitense Amazing Heroes n.160 del 1989, numero speciale dedicato ai personaggi franco-belgi,


e un’intervista a Mézières fatta da David-Anthony Kraft per la sua rivista Comics Interview, purtroppo in un numero imprecisato di un anno a cavallo del 1990.


Nel 1973, il n.7 di Schtroumpf Les Cahiers de la bande dessinée, rivista interamente dedicata alla bedé del futuro editore grenoblino Jacques Glénat-Guttin, è dedicato a Linus (come si firmava all’inizio Christin, in omaggio al noto personaggio dei Peanuts) e a Mézières. All’interno articoli del medesimo Glénat-Guttin, di Numa Sadoul, del nostro saggista Gianni Brunoro, di Yves Frémion e di Louis Cance che poi fonderà la bella rivista Hop!.


Nel 1997, sul numero 36 della rivista La Lettre de Dargaud, interessante pubblicazione con notizie e interviste, soprattutto di autori della medesima casa editrice, c’è, appunto, un’intervista sulla partecipazione di Mézières alla realizzazione dei costumi e delle scenografie per il film Le Cinquiéme Elément di Luc Besson e sul relativo volume Les Etxras de Mézières n.2, contenente disegni per il film.


Anche il n.12 (2001), cartonato, di DBD (Les Dossiers de la Bande Dessinée) è interamente dedicato all’artista, con interviste, una cronologia delle sue opere e tante immagini.


Nel 2004, sul n.80 de La Lettre un ‘intervista ai due autori\amici per l’uscita dell’episodio Le Grand Rien.


Sempre nello stesso anno, sul n.78 della bella rivista BoDoï, un dossier di Jacques Fenech con intervista, naturalmente.


Nel 2007, sul n.93 de La Lettre un articolo di Philippe Ostermann sui quarant’anni della bedè fantascientifica.


Per una volta, dBD HS n.07 Monographies (2011) è interamente dedicato a Pierre Christin, con intervista e interessanti articoli su tutta la sua opera ultradecennale di soggettista. Infatti non si è limitato solo alla celebre collaborazione con l’amico Mézières ma anche a realizzare importanti lavori con Enki Bilal, Anne Goetzinger, André Juillard, Jacques Tardi, Daniel Ceppi, François Boucq, Philippe Aymond, Jean Vern e altri.


Nel 2016, sul n.150 della rivista\fanzine HOP! Louis Cance dedica un dossier a Valérian con una documentata bibliografia. Il numero in questione è già stato oggetto di un nostro post.


Nel medesimo anno, la rivisita d’arte Beaux Arts pubblica uno dei suoi formidabili Hors-série dedicato a dieci capolavori della fantascienza, fra cui Valérian et Laureline.


Nel 2017, anche Paris Match, in occasione dell’uscita del film di Luc Besson, edita uno dei suoi Hors-série su Valérian con molte immagini del film.


Sempre nel 2017 la mitica rivista Pilote riappare nelle edicole di Francia e Belgio con un numero speciale sulla coppia di agenti spazio-temporali.



Ma non crediate che questo elenco sia esaustivo, tutt’altro! Basta scorrere l’elenco Biblio Critique pubblicato dal sempre documentatissimo Cance sull’HOP! di cui sopra per capire che la presenza dei due autori e dei loro personaggi nel mondo dei periodici sulla bedé è stata costante dal 1970 a oggi.

1 commento:

Dany Yellow ha detto...

mi fate spendere un sacco di soldi in internet, ma senza di voi come farei? ;-) merci beaucoup